L'abito

L'abito va fatto "riposare"

I tessuti, soprattutto se di lana, devono poter "riposare" adeguatamente dopo essere stati indossati: in tal modo durano più a lungo e non hanno bisogno di una frequente manutenzione. Perciò non vi è niente di meglio, dopo aver portato per un giorno l'abito, che appenderlo poi subito nell'armadio lasciandolo a riposo per alcuni giorni (uno dei quali, se possibile, all'aria aperta). Potrà fare così un onorato servizio per molti e molti anni, senza necessità di troppi passaggi in lavanderia, che a lungo andare possono deteriorare la stoffa e le rifiniture interne. A tal proposito non va mai dimenticato che uno dei difetti delle confezioni di bassa qualità, strutturate internamente con telette incollate e piuttosto rigide, è dato dal fatto che possono deformarsi se sottoposte a certi moderni sistemi di lavanderia. Ecco uno dei motivi fondamentali per cui fare una buona scelta non solo riguardo alla propria lavanderia di fiducia ma soprattutto quando si entra in un negozio di abbigliamento, evitando di farsi allettare da prezzi troppo convenienti! Infatti, a parte gli abiti di sartoria che fanno storia a sé, i capi già confezionati possono essere di qualità pessima, scadente, media, discreta, buona, ottima o eccellente, e il loro costo è determinato solo fino a un certo punto dalla qualità dei tessuti. Sul prezzo finale della confezione incidono molto l'accuratezza e la qualità dell'esecuzione, delle rifiniture, dei materiali interni, che nelle produzioni migliori sono dati da tele morbide, non incollate ma applicate a mano. Così come una certa cura richiede il montaggio della fodera, che non deve minimamente influire sul movimento del tessuto. Ciò non toglie che si possano trovare sul mercato abiti confezionati che, pur avendo una parte delle tele interne incollate, risultano comunque capi di buona qualità, che non si deteriorano velocemente. C'è poi la cosiddetta "confezione sartoriale", in cui si utilizzano dei capi "pilota" che vengono fatti provare al cliente. Sul capo pilota si decidono le variazioni personalizzate, poi realizzate in sede di manifattura, in laboratorio. Si tratta di una via di mezzo - anche in quanto a costi - tra il vestito confezionato in serie e quello di sartoria, che oggi molti negozi o laboratori propongono.